Intestazione Newsletter
 
 

Notizie della Newsletter gestita dal Centro di risorse didattiche e digitali, per conto della Divisione della scuola.





Newsletter - 12 gennaio

Agenda

Presentazione del Museo della memoria della Svizzera italiana

Presentazione del Museo della memoria della Svizzera italiana

Martedì 17 gennaio sarà presentato a Bellinzona il Museo della memoria della Svizzera italiana (MdM). Curato dall’Associazione ticinese terza età, www.museodellamemoria.ch è un museo virtuale che presenta testimonianze sul passato del Ticino in forma di documenti, lettere, fotografie, filmati, ecc. La presentazione del MdM si terrà presso l’Auditorium di Banca Stato a Bellinzona, tra le 9.30 e le 12.00.

Leggi e scarica l’invito.

il Quotidiano in classe 2017: un’attività per le classi quarte e quinte

il Quotidiano in classe 2017: un’attività per le classi quarte e quinte

Nell’ambito del progetto il Quotidiano in classe sono proposte alle classi di quarta e quinta elementare due giornate di attività dedicate all’approccio alla lettura di un giornale, che si svolgeranno lunedì 20 marzo e giovedì 23 marzo.
Le iscrizioni alla nuova edizione del Quotidiano in classe sono aperte e i docenti interessati possono annunciare le proprie classi attraverso il sito www.laregione.ch/quotidianoinclasse/iscrizione.

Leggi e scarica la comunicazione indirizzata ai docenti.

Disagio affettivo a scuola e adozione: alcune proposte formative

Disagio affettivo a scuola e adozione: alcune proposte formative

L’Associazione Spazioadozione propone ai docenti della scuola dell’infanzia, elementare e media alcuni momenti formativi dedicati al disagio affettivo a scuola e all’adozione.

Le iniziative formative - tenute da operatori dell’Associazione Il Ponte e del Centro di Terapia dell’adolescenza - tematizzano il disagio affettivo a scuola in relazione a percorsi e storie di adozione e intendono fornire ai partecipanti strumenti di comprensione e intervento per sostenere e accompagnare allievi che manifestano situazioni di disagio

Storie di bambini e ragazzi: adozione, emozioni e disagio a scuola e Bambini e ragazzi con disagio affettivo a scuola si svolgono sull’arco di una mezza giornata.

Adozione e affido nel mondo della scuola: risorse e insidie e Bambini e ragazzi adottati a scuola prevedono invece un percorso formativo più ampio, che prevede seminari formativi e alcuni laboratori esperienziali.

Le attività di formazione sono proposte dall’ Associazione Spazioadozione e si svolgono su richiesta tra il mese di gennaio e la fine dell’anno scolastico.

Per maggiori informazioni e iscrizioni: 


Leggi e scarica il descrittivo di Storie di bambini e ragazzi: adozione, emozioni e disagio a scuola

Leggi e scarica il descrittivo di Bambini e ragazzi con disagio affettivo a scuola.

Leggi e scarica il descrittivo di Adozione e affido nel mondo della scuola: risorse e insidie.

Leggi e scarica il descrittivo di Bambini e ragazzi adottati a scuola.

Un puzzle per l’autismo: invito alle scuole

Un puzzle per l’autismo: invito alle scuole

Il 1° di aprile si terrà a Mendrisio la Giornata mondiale per la Consapevolezza dell’Autismo per il Canton Ticino. La Fondazione ARES invita le scuole ad aderire al progetto Un puzzle per l’autismo, che prevede la realizzazione di una grande installazione collettiva formata dalle singole opere preparate da ciascuno dei partecipanti.

L’idea nasce dal significato del simbolo dell’Autismo: un nastro formato da tanti tasselli di puzzle di forme e colori diversi che rappresenta la complessità del Disturbo ma anche l’unicità di ogni persona con Autismo e della sua famiglia ed il loro ruolo nella vita di ciascuna collettività. Ogni tassello per avere un senso ha bisogno di tutti gli altri pezzi del puzzle, ma a sua volta è indispensabile per comporre il mosaico nella sua interezza. Ogni opera (pannello formato 60x60 cm - tecnica libera) rappresenterà il messaggio a favore della consapevolezza dell’Autismo che il suo autore desidererà condividere con gli altri artisti e con il pubblico.

Le richieste di partecipazione andranno inviate a centrodoc@fondazioneares.com – tel. 091 857 78 68 entro e non oltre venerdì 26 gennaio 2017.

Le opere realizzate dovranno essere consegnate, per l’installazione nell’opera unica, sabato 1° aprile dalle ore 11.00 alle ore 15.00, in Piazzale alla Valle a Mendrisio, presso l’area installazione. La presentazione ufficiale dell’opera al pubblico avverrà a cura dei rappresentanti delle Istituzioni Cantonali e della Città di Mendrisio lo stesso giorno, durante il corso della festa in Piazzale alla Valle a partire dalle ore 18.00 circa.

Per ulteriori informazioni centrodoc@fondazioneares.com.

Leggi e scarica l’invito.

Area didattica

Attività didattiche. Gestione del denaro e indebitamento eccessivo – momento di interscambio e vetrina tematica

Attività didattiche. Gestione del denaro e indebitamento eccessivo – momento di interscambio e vetrina tematica

Il 2 febbraio 2017 è previsto a Bellinzona un momento di interscambio tra docenti e specialisti sul tema della gestione del denaro e dell’indebitamento eccessivo. Promosso nell’ambito del Piano cantonale pilota di prevenzione all'indebitamento eccessivo Il franco in tasca, l’incontro permette di presentare ai docenti i diversi materiali didattici esistenti e di stimolare uno scambio tra mondo della scuola e mondo associativo.

Dopo un’introduzione su indebitamento eccessivo e relazione al denaro, vengono proposti 4 gruppi di lavoro per conoscere in maniera più approfondita il materiale disponibile. Segue una discussione sulle possibilità di portare “il denaro” in classe e nei diversi livelli scolastici, evidenziando le esigenze dei docenti rispetto alle offerte proposte dalle associazioni.

Leggi e scarica il programma dettagliato.

Le iscrizioni e le richieste di informazioni sono da inoltrare direttamente ad Alice Guglielmetti, Piano cantonale Il franco in tasca: info@ilfrancointasca.ch.

La partecipazione al convegno può essere convertita in crediti di formazione continua, previa richiesta all’Ufficio competente.

A partire dal 9 gennaio 2017 il Centro di Risorse Didattiche e Digitali ha allestito un angolo dedicato alla tematica dell’indebitamento eccessivo nella biblioteca di Bellinzona, nel quale sono esposti tutti i materiali didattici (dalla documentazione per i docenti ai giochi, passando per i video promozionali) prodotti per i vari ordini di scuola. La consultazione è libera e i materiali possono essere ordinati scrivendo a info@ilfrancointasca.ch oppure rivolgendosi alle varie Associazioni coinvolte nel progetto.

FiT.jpg

Sussidi didattici. Flip your classroom : la didattica capovolta

Sussidi didattici. Flip your classroom : la didattica capovolta

Jonathan Bergmann, Aaron Sams ; trad. e cura di Sergio Vastarella. - Firenze : Giunti, 2016. - ISBN: 978-88-09-82602-1

Da alcuni anni, insegnanti e ricercatori stanno sperimentando l’uso della didattica capovolta, quel metodo cioè che consente di modificare, invertendoli, gli ambienti d’apprendimento. A casa si prepara l’argomento del giorno mentre a scuola si lavora attivamente.

La centralità dello studente e la conseguente costruzione di un ambiente per l’apprendimento piuttosto che per l’insegnamento stanno alla base di questa esperienza:

  • muta il ruolo dell’insegnante, egli diventa un sostegno per gli allievi, i quali saranno responsabilizzati nella gestione di materiali e di contenuti da lui proposti, e una guida, anche trasmettendo la sua esperienza personale. Il docente non è più il dispensatore del sapere, ma l’elemento catalizzatore che, con la sua esperienza, è capace di stimolare e guidare gli studenti;
  • le classiche lezioni frontali e gli esercizi lasciano il posto a un lavoro, svolto a casa, di ricerca e studio, sfruttando materiali condivisi dall’insegnante ed educando all’uso delle tecnologie;
  • l’aula non è più il luogo in cui il docente trasmette le informazioni e gli studenti apprendono le stesse, ma diventa il luogo in cui gli studenti lavorano, discutono e si confrontano sugli argomenti che hanno studiato precedentemente a casa, ognuno con i propri tempi e seguendo i propri bisogni.

In questo modo, il docente può creare un’empatia generale con la classe, soprattutto un rapporto esclusivo con ogni allievo e, ancora, oltre che in ambito educativo e culturale, gli allievi possono crescere anche personalmente, imparando a sostenere le proprie idee e i propri pensieri.

Controlla la disponibilità

classroom.jpg

Sussidi didattici. L'approdo

Sussidi didattici. L'approdo

Shaun Tan. - Latina : Tunué, 2016. - 1 vol. : ill. - (Mirari ; 2)

Il merito evidente di questo fumetto è la sua capacità di rivolgersi a lettori di tutte le età.

L’approdo porta a riflettere sul tema dell’immigrazione, sull’immagine che viene restituita dalla società o dall’informazione, attraverso il punto di vista dell’emigrante.

Il protagonista, l’emigrante, non è più l’altro, non è diverso da noi, non si percepisce come uno straniero, ma potrebbe essere proprio il lettore, perché proveniente da una città come la sua, veste come lui ed è attorniato di elementi a lui familiari, mentre il mondo che va a scoprire è effettivamente nuovo e incomprensibile sia per chi è protagonista della vicenda raccontata, sia per chi la sta leggendo.

Il tema centrale si presta naturalmente a essere percepito a più livelli: l’abbandono di una situazione nota per una sconosciuta è infatti una situazione che, trasposta, è caratteristica di ogni età e ogni esperienza, sia che si tratti di una nuova scuola, di un nuovo lavoro o di una nuova relazione sentimentale.

Un finale che suggerisce un andamento ciclico di una storia che non appartiene a un solo uomo, a una sola famiglia, ma a tutti coloro che sono costretti a cercare un nuovo inizio lontano dal proprio paese natale.

Controlla la disponibilità

Approdo.jpg


Dipartimento dell'educazione, della cultura e dello sport
Divisione della scuola

Centro di risorse didattiche e digitali
Viale Stefano Franscini 32
6500 Bellinzona



tel. +41 91 814 63 11
fax +41 91 814 63 19
decs-cerdd@ti.ch

www.ti.ch/cerdd
www.ti.ch/scuoladecs

ti_bottom_filetto-def316.png